Caricamento

Servizi

RECUPERO CREDITI COMMERCIALI E PRIVATI

 

Quante volte Vi è capitato di vedere un Vostro cliente che per svariati motivi ha ritardato con i pagamenti creandoVi grossi problemi?

Avete mai pensato di affidarVi a dei professionisti del recupero crediti per cercare di risolvere il problema in tempi rapidi, mantenendo intatte le relazioni commerciali esistenti e senza il minimo sforzo?

Non cercate di improvvisarVi esattore perché potreste in molti casi peggiorare la situazione.

Grazie alla nostra esperienza possiamo offrire ai nostri Clienti una strategia di recupero personalizzata che meglio si adatta alle esigenze con un costante aggiornamento sull’evoluzione delle azioni di recupero.

CONTATTI E SOLLECITI TELEFONICI

 

Il sollecito telefonico è un’attività di grande importanza.

Consiste nel contattare i clienti poco prima o subito dopo il termine di scadenza del pagamento attraverso un approccio “soft”.

Attraverso l’utilizzo di tecniche collaudate, il debitore è condotto al pagamento di quanto dovuto.

PIANI DI RIENTRO

 

I presupposti perché si possa giungere ad un accordo sono:

  • una concreta analisi dello stato patrimoniale del debitore (sarà utile per rappresentarsi nel modo realistico la sua solvibilità e la sua reale volontà o possibilità di pagare);
  • un efficace “piano” di pagamento o rientro, che permetta di essere soddisfatti nel più breve tempo possibile ma consenta concretamente al debitore di pagare
  • un costante monitoraggio.

Ci  differenziamo per:

la nostra esperienza  – la nostra professionalità  –  la nostra strategia di recupero

INVESTIGAZIONI CIVILI E COMMERCIALI

BalboInvestigazioni

Rintraccio debitori e loro beni

 

Grazie alla nostra divisione investigativa interna,

  • i nostri Clienti possono usufruire di servizi di rintracci in grado di accertare l’attuale domicilio del debitore e anche di verificarne in loco l’effettiva reperibilità.
  • Siamo altresì in grado di fornire informazioni dettagliate inerenti la complessiva situazione economico, patrimoniale e finanziaria di un soggetto, ivi compresa l’eventuale attività lavorativa dallo stesso esercitata.

Certificazione di inesigibilità (defiscalizzazione del credito non incassato)

In caso di informazioni commerciali con esito negativo, la nostra Società rilascerà una relazione con il dettaglio delle azioni intraprese unitamente alle motivazioni che hanno reso infruttuosa l’attività di recupero.

Questo documento, in presenza dei dovuti presupposti, potrà essere considerata un adeguato elemento di prova a fini fiscali per poter portare a perdita il credito inesigibile sulla base della normativa vigente.

(L’Agenzia delle Entrate con la Circolare n.26/E del 01/08/2013 ha fissato i criteri legali che deve possedere un credito perché possa essere considerato inesigibile e fiscalmente deducibile, disponendo che l’inesigibilità del credito debba essere comprovata dal preventivo accertamento definitivo dello stato di incapienza del debitore documentato da “elementi certi e precisi”. La predetta Circolare ha stabilito che la relazione circostanziata rilasciata da un’agenzia di recupero crediti legalmente autorizzata possa essere ritenuta un elemento valido a supporto della deducibilità fiscale del credito, a condizione che venga adeguatamente documentata la definitiva impossibilità del debitore a far fronte alle proprie obbligazioni)

PROTEGGI LA TUA CASA

 

Proteggere il luogo in cui si vive con una polizza casa garantisce maggiore serenità a tutta la famiglia.
In collaborazione con le migliori e affidate Compagnie di Assicurazione, assicuriamo i nostri clienti contro i danni causati da incendio, fulmini, esplosioni, atti vandalici, eventi atmosferici, danni elettrici oltre ad offrire assicurazioni casa specifiche per furto e rapina.
Assicuriamo anche la garanzia ricorso terzi, cioè la copertura accessoria che mette al sicuro da richieste di danni da parte dei vicini, qualora il danno dovesse coinvolgere anche la loro proprietà (ad esempio, un incendio che si propaghi da un’abitazione potrebbe provocate danni anche all’appartamento del vicino).
Importante anche la garanzia Responsabilità Civile per la copertura delle spese dovute a terzi, per danni relativi alla proprietà o alla conduzione dell’abitazione, come ad esempio le attività del tempo libero, gli infortuni della colf, i danni provocati dagli animali domestici.

RESPONSABILITA’ CIVILE DA CIRCOLAZIONE STRADALE

 

Sempre in collaborazione con agenti assicurativi qualificati ti diamo la giusta consulenza e ti assicuriamo contro i rischi da circolazione stradale alle migliori tariffe abbinando anche altre garanzie accessorie:

  • garanzia furto e incendio (contro i furti e i danni causati dal fuoco)
  • garanzia Kasko (copre i danni subiti al proprio veicolo)
  • garanzia eventi atmosferici (in caso di grandine, frane e altri eventi naturali)
  • garanzia tutela legale (rimborsa le spese legali dell’assicurato)
  • garanzia cristalli (contro la rottura dei vetri del veicolo)
  • garanzia infortuni conducente (copre i danni fisici subiti dal guidatore)
  • garanzia assistenza stradale (in caso di incidente o guasto al veicolo)
  • garanzia eventi socio-politici e atti vandalici (contro i danni causati da disordini e/o vandalismi)

TUTELA DELLA PERSONA – LESIONI E MALATTIA

 

In caso di sinistro che comporti il bisogno di cure mediche seguiamo i danneggiati fino al completo recupero psicofisico. Il tutto grazie all’esclusiva collaborazione con Fisiomed Este specializzata nella cura e riabilitazione.

SERVIZI LEGALI

Recupero sinistri assicurativi

Servizio in collaborazione con consulenti professionisti in abito stragiuziale in infortunistica stradale oltre che, per necessità giudiziali, con avvocati civilisti e penalisti.

In caso di incidente, infatti, non sempre affidandosi alle Compagnie di Assicurazione, è semplice ottenere il giusto risarcimento. Pertanto, è fondamentale affidarsi a professionisti del settore che valutino i pro e i contro e indichino la giusta strada da seguire.

E’ fondamentale sapere che se ci si trova dalla parte della ragione, le spese di recupero vengono totalmente rimborsate dalla compagnia assicurativa.
Per un servizio Sinistri di eccellenza!

Azioni legali per recupero crediti

Quando non si ottengono risultati in fase stragiudiziale, il ricorso alle procedure legali di recupero crediti rappresenta l’unica alternativa percorribile
Solitamente l’azione Legale viene intrapresa solo quando gli accertamenti economico/patrimoniali eseguiti in fase stragiudiziale attestano l’esistenza di beni pignorabili e/o capitale sufficiente a coprire il credito insoluto.
In caso negativo l’azione giudiziaria risulterebbe economicamente sconveniente, a meno che non si tratti di crediti di importo elevato.

Che cos’è un decreto ingiuntivo?
Un decreto ingiuntivo è l’ordine dato dal giudice al debitore di adempiere l’obbligazione assunta (es. pagamento di una somma di denaro o consegna di una cosa mobile determinata) entro un determinato periodo di tempo (normalmente 40 giorni). Trascorso tale termine, il decreto diventa esecutivo e si può procedere al pignoramento dei beni del debitore.
Il decreto ingiuntivo viene emesso su richiesta del creditore, ed ha il vantaggio di essere molto più celere e assai meno oneroso di un procedimento giudiziario ordinario. È disciplinato dagli articoli 633 e ss. del c.p.c. e richiede, per la sua emissione, la sussistenza di specifiche condizioni.
Contro un decreto ingiuntivo è possibile fare opposizione nei termini previsti dallo stesso decreto (normalmente 40 giorni)

Quali sono le condizioni per poter richiedere l’emissione di un decreto ingiuntivo?
Affinché si possa far ricorso al procedimento per decreto ingiuntivo è necessario che il credito consista nella consegna di una somma determinata di denaro o di una quantità determinata di cose fungibili, oppure nella consegna di una cosa mobile determinata. È inoltre necessario che il credito sia provabile mediante prova scritta.
Più precisamente, si intendono per prove scritte idonee alla richiesta di decreto ingiuntivo (art. 634 c.c.):

  • le polizze e promesse unilaterali per scrittura privata;
  • i telegrammi;
  • gli estratti autentici delle scritture contabili;
  • in alcuni casi, la giurisprudenza considera prova scritta anche le fatture commerciali.

In quali casi un decreto ingiuntivo viene emesso provvisoriamente esecutivo?
L’art. 642 c.p.c. prevede che, su istanza del ricorente, il decreto ingiuntivo possa essere dichiarato immediatamente esecutivo (senza perciò che sia necessario attendere il termine di quaranta giorni per verificare se il debitore paga o si oppone). Tale richiesta può essere accolta se il credito è fondato su cambiale, assegno bancario, assegno circolare, certificato di liquidazione di borsa, atto ricevuto da notaio o altro pubblico ufficiale autorizzato.
L’esecuzione provvisoria può anche essere concessa se vi è pericolo di un grave pregiudizio nel ritardo.
L’art. 63 delle disp. att. c.c. prevede inoltre che l’amministratore di un condominio può ottenere
decreto di ingiunzione immediatamente esecutivo per la riscossione dei contributi condominiali, in base allo stato di ripartizione approvato dall’assemblea.

È possibile fare opposizione ad un decreto ingiuntivo?
L’opposizione ad un decreto ingiuntivo può essere proposta mediante atto di citazione (art. 645 c.p.c.) entro i termini strettamente previsti nel decreto stesso (normalmente 40 giorni).
Ci si oppone al decreto ingiuntivo, ad esempio, se il credito non è scaduto o se è addirittura inesistente perché mai sorto o perché già estinto a seguito di pagamento.
A seguito dell’opposizione, il giudizio si svolge secondo le norme del procedimento ordinario.
Su istanza dell’opponente, se ricorrono gravi motivi, il giudice può sospendere l’esecuzione provvisoria del decreto ingiuntivo (art. 649 c.p.c.).

Cosa fare per recuperare il credito contenuto in una cambiale?
La cambiale è considerata un titolo esecutivo dalla legge (R.D. n. 1669/33, art. 63). Nella pratica, questo comporta che, ove il credito non sia pagato alla scadenza della cambiale, è possibile procedere direttamente all’esecuzione forzata.
Il pagamento della cambiale dovrà essere chiesto formalmente a mezzo di un precetto (cioè un’intimazione ad adempiere) notificato al debitore. Se il pagamento della cambiale non interviene nei dieci giorni successivi alla notificazione del precetto, si potrà procedere al pignoramento e alla vendita forzata dei beni del debitore.
Una disciplina simile è stabilita per l’assegno bancario.

Cosa fare per recuperare il credito se il pagamento è avvenuto con assegno?
Anche l’assegno bancario, (al pari della cambiale) è considerato dalla legge un titolo esecutivo (R.D. n. 1736/33, art. 55). Nella pratica, questo comporta che, ove il credito non sia pagato alla data indicata sull’assegno, è possibile procedere direttamente all’esecuzione forzata.
Il pagamento dell’assegno dovrà essere chiesto formalmente a mezzo di un precetto (cioè un’intimazione ad adempiere) notificato al debitore. Se il pagamento dell’assegno non interviene nei dieci giorni successivi alla notificazione del precetto, si potrà procedere al pignoramento e alla vendita forzata dei beni del debitore.

CONSULENZE MEDICHE LEGALI – MALASANITÀ

 

Se pensi di essere vittima di un caso di malasanità come in tutti i settori, è necessario rivolgersi a professionisti specializzati in materia.
I nostri consulenti medici legali che effettuano una valutazione del caso hanno una profonda conoscenza in abito di risarcimenti per errori medici. Infatti, per essere certi di aver diritto al risarcimento è necessario trovare le prove documentarie, spesso nascoste in poche righe di certificati, cartelle cliniche, esami strumentali ecc.
Mediante la collaborazione con colleghi medici e professori, specializzati per tipologia di danno, i nostri medici legali effettuano valutazioni approfondite, che riportino la possibilità di ottenere il risarcimento per malasanità, come la possibilità certa di non poter ottenere risarcimenti ed evitare spese di causa inutili perchè infruttuose.